DEMAGOGIA O COERENZA?

Lettera apparsa su Il Cittadino mercoledì 24 ottobre 2007 

Egregi sig. Sindaco ed Amministratori del Comune di Senna Lodigiana, sono un consigliere d’opposizione del comune di Ospedaletto Lodigiano e, su vostra richiesta, mi sono trovato ad approvare, non molto tempo fa, una mozione contro l’insediamento di una discarica nel vostro/nostro territorio. Ho avuto modo di leggere quelle approvate sia dal vostro Consiglio che da quello di Somaglia ed entrambe parlavano dell’agricoltura come vocazione naturale delle nostre zone, della salvaguardia dell’ambiente e, in particolare quella di Somaglia, anche del livello di saturazione limite ormai raggiunto dal traffico a causa (aggiungo io) di logistiche e di scelte pianificatorie suicide effettuate nel governo del nostro territorio. Oggi, sul Cittadino, ho letto con sgomento del progetto “Happyland”, del fatto che la Vostra amministrazione abbia già dato il nulla osta all’iniziativa e mi sono subito venute in mente le parole contenute nelle mozioni appena votate. Ora mi chiedo: le vocazioni del territorio cambiano a seconda della lucrosità dei progetti che vi si devono insediare? Perchè una discarica “no” e un parco divertimenti “si”? Si pensa che un progetto come quello in questione inquini meno di una discarica? Avete per caso stimato la quantità di traffico che produrrebbe un simile insediamento? E quanti ettari di campagna verrebbero ulteriormente sacrificati per il profitto?

Cari amministratori di Senna Lodigiana, nella mozione da noi approvata vi è contenuto un passaggio per cui Ospedaletto si dichiara contrario certamente alla realizzazione di una discarica, ma altresì alla realizzazione di qualsiasi operazione che vada a destabilizzare l’equilibrio dell’eco-sistema e delle relazioni sociali delle nostre aree. Il parco minerebbe questi equilibri. Non è certo una mozione che potrebbe bloccare un progetto così devastante ma è sicuro che troverete, così come lo è stato per la discarica, l’opposizione delle popolazioni che andrebbero a pagare in prima persona i costi, in termini di salute e ambiente, di una simile operazione. Siamo veramente stufi della cementificazione selvaggia che il Lodigiano sta subendo e della logica campanilistica per cui si crede che ciò che accade nel proprio comune sia affare solo di chi in quel comune ci abita, facendo finta di non accorgersi che ciò che avviene in ogni piccola porzione di territorio va ad incidere direttamente o indirettamente su quelle circostanti.

In un periodo in cui la politica è sotto accusa anche per la sua incoerenza, sarebbe il caso di cominciare a dare risposte univoche per cui, quando ci si dichiara a favore della tutela del territorio, lo si sia di fatto e non a secondo dei propri interessi. In questo modo non si prenderebbero in giro i cittadini. Rispondo anticipatamente ad una puerile obiezione che potrebbe essere sollevata e che riguarda le scelte fatte dal comune di Ospedaletto in passato: ciò che è accaduto, per quanto riguarda l’insediamento di alcune attività indirettamente redditizie per le casse comunali (ICI), fa parte di decisioni scellerate, sulle quali ci troviamo in totale disaccordo, che le amministrazioni precedenti hanno preso e alle quali non è più possibile porre rimedio. Proprio perchè la storia insegna quali siano stati gli errori commessi per non ripeterli, facciamo di essa buon uso. 

Ivan / in qualita’ di consigliere

DEMAGOGIA O COERENZA?ultima modifica: 2007-10-23T13:55:00+02:00da officinafuturo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento